tavolo legno rivista

Giornate lente

Vi capita mai di sentirvi sopraffatti?

A me succede di continuo.

Sono sopraffatta dai miei obiettivi, dalle aspettative del mondo e di chi mi circonda. Sono sopraffatta da me stessa. Da quello che sono, ma soprattutto da quello che non sono. Sono sopraffatta da quello che leggo, da quello che scrivo. Da pensieri che pensano troppo.

Ci sono momenti in cui mi gira la testa. Giorni in cui ho bisogno di scendere da questa giostra (che poi si chiama vita). Giusto per un attimo. E sedermi, sola su una panchina, a mangiare un gelato in santa pace.

Certo, mica è facile. Starsene fermi e soli, a perdere tempo con un gelato in mano, mentre tutto il resto del mondo va di fretta. Non so voi, ma io ogni volta mi sento in colpa solo a pensarci. Con tutte le cose che ho da fare. Con tutto quello che ho da dimostrare.

Eppure.

Oggi ci sono riuscita. Oggi, ho perso tempo.

Ad accarezzare il mio gatto, a spargere pensieri senza cercare di fermarli, a camminare scalza per la casa, affacciandomi di tanto in tanto per guardare fuori il tempo che fa. 

Sì, di mercoledì; proprio in mezzo alla settimana. Perché in fondo, chi l’ha detto che non possiamo fermarci, ogni tanto?
Mettere in un angolo gli impegni. Spegnere il pc. Silenziare il cellulare. Prendere una pausa dalle responsabilità, dalle persone, dalle emozioni. Senza sensi di colpa. 

Fare quel che serve per lasciare che il mondo, almeno per un pochino, scorra senza di noi.

Giornate lente, Parole in Barattolo
Gatto persiano, slow living
vista di piante verdi da una finestra aperta
tavolo legno rivista
Noci su tavolo di legno, slow living

Leggi anche: Undici settimane: il mio lockdown

Rispondi